Hikvision, parla Troilo: «Intercom e i prossimi passi tra convergenza e condivisione»

«Abbiamo lanciato una gamma di prodotti completa e molto performante, dal design accattivante e con un concept innovativo che arriva a poter realizzare sistemi ibridi IP e 2 fili. Non si tratta però solo di prodotto, ma di comprensione del segmento e di come arrivarci. Investiremo molto a riguardo, perché lo consideriamo un mercato potenzialmente molto importante, a pari di quello del video». Così Massimiliano Troilo, general manager di Hikvision Italy, descrive l’operazione Intercom della propria casa produttrice, il cui marchio è distribuito dalla Datacom Tecnologie di Firenze. Troilo ha parlato recentemente alla rivista S-News. «Abbiamo aggiunto un altro tassello alla Convergenza, – spiega ancora – non possiamo dire che sia un completamento, perché molto altro rimane da fare e sarà fatto per completare e rendere unica l’offerta di Hikvision in termini di sistema e soluzione End2End, e non più di singolo prodotto».

«Il prossimo passo, ormai imminente, sarà la condivisione di tutte le risorse in una rete locale, – annuncia il dirigente – arrivare a creare azioni a seguito di eventi generati da altri devices e successivamente, con l’ausilio delle potenzialità del Cloud, dare a questi links delle logiche che li leghino tra loro o ad altre variabili o altri devices del sistema. Il punto di arrivo è quello di avere un portale multilivello, una sorta di piattaforma di servizi che permetta agli installatori di gestire i sistemi, i clienti, il lavoro di tutti i giorni, come la gestione degli interventi e delle manutenzioni; ma anche uno strumento che permetta agli utenti finali di gestire e verificare il proprio sistema nell’uso giornaliero, sfruttandone tutte le potenzialità».

Il 30 settembre è in programma un corso Hikvision su Intercom, ospitato da Datacom nell’ambito degli Autumn Campus. Ci sono ancora posti disponibili, clicca qui per partecipare gratuitamente.

Per leggere l’intervista completa a cura di Monica Bertolo, clicca qui.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *