Previdia Ultravox: l’integrazione completa della sicurezza di un edificio

Nuovo modello firmato Inim all’interno della gamma Previdia, col quale l’azienda aggiunge un nuovo dispositivo in un percorso che va avanti da anni per la gestione della sicurezza degli edifici a 360 gradi: si chiama, infatti, Previdia Ultravox, l’ultimo arrivato nella famiglia Inim.

Ultravox aggiunge, alle già sicure e consolidate tecnologie come rivelazione ed allarme incendio, rivelazione gas, gestione illuminazione di emergenza, gestione dei sistemi di spegnimento a gas, video verifica e video rivelazione tramite telecamere IP, visualizzazione degli eventi su mappe grafiche, anche la gestione di EVAC (sistemi di evacuazione vocale) e di Public Addressing (comunemente conosciuti come filodiffusione).

Tra le caratteristiche che Ultravox conserva – insieme ai modelli precedenti – c’è l’opportunità di essere connesso all’ Inim Cloud Fire, un servizio gratuito grazie al quale è possibile avere il controllo da remoto. Senza dimenticare che l’App Inim Fire consente di sfruttare tutte le potenzialità dei sistemi cloud (che siano Android o Apple) consentendo nella teoria e nella pratica di avere una supervisione immediata e una manutenzione guidata; e poi una diagnostica in tempo reale del sistema ed una gestione del registro di impianto e manutenzioni professionale. Sommando tutte queste skills, si ottiene un sistema che funziona, autorevole, innovativo e semplice da utilizzare e controllare anche senza essere sul posto.

Tutti i componenti e gli accessori della gamma Previdia rispondono alle indicazioni delle norme del settore e di conseguenza godono delle certificazioni dai più autorevoli enti del settore, potendo godere dell’esposizione di diversi marchi di qualità quali LPCB, IMQ, UL-EU, BOSEC e altri ancora.

Ma perché la nascita o lo sviluppo di Previdia Ultravox? Perché Inim è fermamente convinta che un sistema per la gestione della sicurezza possa veramente essere efficace ed efficiente solo può offrire la possibilità di integrare tutte le tecnologie che orbitano intorno ad un edificio, oltre alla (non secondaria) esigenza di mettere a disposizione mezzi adeguati per la gestione, l’esercizio e la manutenzione, così da conferire al sistema la dovuta credibilità.

Se vuoi avere info e spiegazioni ulteriori, Datacom è tua disposizione: contatta per ogni domanda i nostri tecnici commerciali di Firenze alla mail info@datacomtecnologie.it oppure tramite il form Contatti, cliccando qui

Hik-ProConnect al centro dell’Hikvision Spring Campus del 5 maggio in Datacom

Nuovo appuntamento a Firenze con Hikvision Spring Campus. Organizzato in collaborazione con Datacom Tecnologie, si parlerà di Hik-ProConnect nel pomeriggio di giovedì 5 maggio 2022 con l’incontro al via alle ore 14.30 nella sala corsi dell’azienda, in via Arrigo da Settimello 5/7.

Hikvision Spring Campus è un imperdibile momento di formazione e crescita professionale per scoprire le tante novità di Hikvision sia a livello tecnologico che di prodotto. Il corso, dedicato agli Installatori e completo di dimostrazioni pratiche, ha lo scopo di presentare e formarvi sulla soluzione di sicurezza, convergenza e management basata su cloud, Hik-ProConnect.

Gli argomenti trattati saranno: caratteristiche della piattaforma, convergenza e Business Management, come gestire le programmazioni e manutenzioni dei dispositivi, prestazioni di sicurezza, licenze d’uso e scenari applicativi, esercitazioni pratiche con licenza gratuita e a pagamento.

Per partecipare all’evento sarà necessario presentare il Green Pass ed essere muniti di mascherina. I partecipanti dovranno portare un telefono cellulare carico per effettuare il test di fine corso. L’evento si terrà nel totale rispetto delle norme anticovid.

Per iscriversi è possibile farlo tramite la piattaforma Eventbrite, cliccando qui.

Uno standard per la professione di installatore di sicurezza: via all’inchiesta pubblica finale per il progetto di Norma UNI 1610032

UNI – Ente Italiano di Normazione, ha aperto una inchiesta pubblica finale per il progetto di Norma UNI 1610032: esperti di impianti di allarme intrusione e rapina, videosorveglianza, controllo accessi. Questo tipo di operazione serve a UNI per raccogliere i commenti degli operatori e a ottenere il consenso più allargato possibile prima che il progetto diventi una norma, soprattutto da parte di chi non ha potuto partecipare alla prima fase di elaborazione normativa: in questo modo al valore della trasparenza si unisce quello della democraticità.

L’inchiesta pubblica finale è stata aperta dal 29 marzo al 28 maggio 2022, con l’intento di definire i requisiti relativi all’attività professionale di progettisti, installatori e manutentori di impianti di allarme intrusione e rapina, videosorveglianza, controllo accessi attraverso l’individuazione di compiti, attività e requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità.

Lo strumento messo a disposizione per l’inchiesta pubblica finale è la banca dati dei progetti di norma UNI in fase di inchiesta pubblica. Per ogni progetto fornisce: codice progetto, titolo, sommario, codice ICS, organo tecnico UNI competente, testi completi in pdf dei progetti di norma nazionali (sono esclusi i recepimenti di norme EN e le adozioni di norme ISO), date di inizio e fine inchiesta. Per ogni progetto è possibile inviare i commenti online.

Nel caso della proposta di UNI 1610032, scaricabile anche dal nostro sito cliccando qui oppure guardando il player qui sotto, vengono definiti i requisiti per la qualifica dell’installatore e della sua formazione professionale, gli aspetti etici e deontologici della professione, oltre a tutti i riferimenti normativi a cui chi opera nel settore deve sottostare.

Per inviare un commento online a UNI, è possibile cliccare qui e accedere all’apposita area.

I complimenti di Datacom al “suo” pilota Guido Pini per un ottimo 2021!

Datacom Tecnologie è davvero soddisfatta per le prestazioni sfoggiate nel corso del 2021 dal pilota di Borgo San Lorenzo Guido Pini, che la nostra azienda supporta con la propria sponsorizzazione. Nel corso della stagione appena trascorsa, Pini ha preso parte al Repsol CEV categoria Hawkers European Talent Cup dove si è confrontato con i migliori piloti d’Europa e inoltre ha partecipato al CIV categoria Premoto3 in sella a una Brevo del team AC Racing.

A livello continentale Pini è stato il primo degli italiani in gara, chiudendo con 20 punti in 18esima posizione. Nel campionato italiano invece il talento mugellano classe 2008 ha terminato in nona posizione a 77 punti, dimostrando di essere in crescendo e pronto per nuove sfide in questo 2022.

In bocca al lupo da tutto lo staff di Datacom Tecnologie!

Reati in Italia: numeri in risalita

Tornano a salire i reati commessi in Italia. Il dato è stato diffuso lo scorso 29 dicembre dal Ministero dell’Interno in una conferenza stampa. Si registra infatti una lieve crescita (5,4%) in Italia nel 2021 rispetto al 2020, anno caratterizzato dal calo verticale dei reati, ma comunque in calo del 12,6% in confronto al 2019, termine di riferimento significativo. Allarmanti, secondo il Viminale, due indicatori: i femminicidi sono 116, come nel 2020, a fronte dei 110 del 2019, su un totale di 289 omicidi (+4 rispetto al 2020, -25 rispetto al 2019); poi ci sono le truffe online, con il 66% dei casi avvenuto via web nel quadro di un complessivo aumento del 30,5% dei reati informatici, praticamente raddoppiati rispetto al 2019. Tutti i dati sono visibili cliccando qui.

A questi numeri dobbiamo accostare anche quelli dell’osservatorio interforze recentemente pubblicati da Il Sole 24 Ore: le città di Prato, Firenze e Livorno restano nei primi dieci posti per indice di criminalità in Italia. Secondo il report, Prato nel 2020 è salita dal settimo al quarto posto in Italia con 4.426 denunce fatte ogni 100mila abitanti: viene indicata come la provincia con la maggior incidenza di arresti e fermi di persone di origine straniera, il 63% del totale. Rapine e furti sono tra i reati più messi in atto. Dietro Prato, quinta, c’è Firenze con 4.277 denunce ogni 100mila abitanti, Livorno è al nono posto in Italia con 3.882 denunce ogni 100mila abitanti nel 2020.

Questo contesto ci fa capire come, nonostante tanti passi avanti, avere presìdi di sicurezza sia sempre importante. Per questo, anche nel 2022, Datacom Tecnologie di Firenze lavorerà affinché i propri clienti possano avere le migliori soluzioni da destinare all’utenza commerciale, industriale e privata rispettando le singole esigenze di tutti.

Un monopattino gratis? Lo puoi avere con Datacom Tecnologie!

L’Agenda 2030 ci indica la strada verso dei comportamenti maggiormente sostenibili per l’ambiente, a cominciare dal migliorare le nostre abitudini in termini di mobilità. Le nostre città infatti sono ormai sature di mezzi privati con cui quotidianamente ci spostiamo da una parte all’altra e Firenze, dove il livello del PM10 spesso e volentieri supera i dati di guardia, non fa eccezione. In questo contesto, Datacom Tecnologie ha attivato un’azione, rivolta ai propri clienti, per favorire la diffusione e l’utilizzo del monopattino elettrico come strumento per gli spostamenti in città, superando i problemi di parcheggio, code e soprattutto aiutando l’ambiente.

In questi giorni, a banco, i clienti potranno trovare a banco nel punto vendita di via Arrigo da Settimello il depliant qui in basso. Per loro, infatti, c’è la possibilità di avere gratuitamente un monopattino grazie a una nuova promozione Datacom. Per conoscerla nel dettaglio, si chiede di rivolgersi direttamente al proprio commerciale di riferimento, scrivere a info@datacomtecnologie.it oppure utilizzare il form Contatti su questo sito.

Buone Feste da Datacom! Solo tre giorni di chiusura per Datacom

Datacom Tecnologie di Firenze è lieta di augurare a tutti i propri clienti di trascorrere delle buone festività natalizie assieme alla propria famiglia e alle persone più care. In questo periodo così importante dell’anno non faremo mancare la nostra presenza a tutti gli installatori e i professionisti che avranno bisogno di consulenza e di ordinare i prodotti di sicurezza da noi distribuiti.

L’azienda infatti ha deciso in queste festività di chiudere soltanto per tre giorni feriali, ovvero da mercoledì 29 a venerdì 31 dicembre 2021, cercando quindi di offrire come sempre il massimo del servizio e ridurre al minimo i tempi per l’inventario. Per ogni necessità o informazione, i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie sono disponibili come sempre alla mail info@datacomtecnologie.it.

Convergenza Hikvision, corso gratuito in Datacom il 13 dicembre

È in programma lunedì 13 dicembre 2021 nella sede di Datacom Tecnologie una nuova tappa dell’Autumn Campus di Hikvision. Si tratta di un imperdibile momento di formazione e crescita professionale per scoprire le tante novità di Hikvision sia a livello tecnologico che di prodotto. Il tema di questa sessione, in programma dalle 14.30 alle 17.30, è quello della Convergenza relativa ai propri prodotti. Il corso tecnico, dedicato agli Installatori ha lo scopo di presentare questo aspetto che si concretizza nei supervisori e nella App Hik Connect. Sarà dato particolare rilievo all’Intercom Modulare.

Gli argomenti trattati saranno: introduzione moduli supervisori e APP Hik-Connect; Intercom Modulare IP; Gestione Sistema convergente tra cui Videosorveglianza, Intrusion, Intercom.

I partecipanti dovranno portare almeno un PC portatile per azienda e un telefono cellulare carico. Per partecipare all’evento sarà necessario presentare il Green Pass e munirsi di mascherina. L’incontro si svolgerà nel totale rispetto delle norme anticovid. L’iscrizione è gratuita e va effettuata attraverso il portale Eventbrite, cliccando qui.

Per richiedere a Datacom Tecnologie informazioni, è possibile scrivere all’indirizzo mail info@datacomtecnologie.it.

Sicurezza, trend positivo per il settore. I dati e le novità della fiera edizione 2021

La pandemia non ha frenato, ma ha accelerato il percorso di digitalizzazione e di convergenza tecnologica in atto nel settore SECURITY&FIRE, che continua a registrare un continuo rinnovamento dei prodotti in ottica digitale e integrata. Sono i segnali che arrivano da Sicurezza, la fiera biennale di settore di scena a FieraMilano a Rho dal 22 al 24 novembre.

I dati del settore

Secondo i dati di ANIE Sicurezza, l’industria italiana fornitrice di tecnologie per la Sicurezza e Automazione edifici esprime un fatturato totale pari 2,7miliardi di euro (dato 2020), mostrando, diversamente da altri comparti, una sostanziale stabilità. Secondo i preconsuntivi, nel 2021 ci si aspetta un trend positivo, favorito dal miglioramento dello scenario macroeconomico e spinto dalla ripartenza degli investimenti nel mercato delle costruzioni, che sostiene in particolare la domanda del segmento antincendio. Dopo un 2020 critico, si prevede un primo recupero anche per il segmento antintrusione. Un contributo importante per la crescita si conferma dalla videosorveglianza, che ha registrato una domanda elevata anche grazie alle tecnologie coadiuvanti nel contrasto alla pandemia.

La sicurezza informatica

A dimostrazione della urgenza del tema e della formazione in merito di tutti gli operatori, sul fronte della sicurezza informatica le minacce sono in costante aumento. Crescono, nel primo semestre 2021, gli attacchi cyber gravi: 170 al mese contro i 156 dello scorso anno che, considerando un campione analizzato di 1.053 eventi di pubblico dominio, sono cresciuti del 24% rispetto allo stesso periodo del 2020. In particolare, sono cresciuti del 21% gli attacchi con finalità cyber crime, che rappresentano l’88% del totale. Cresce infine la severità degli attacchi stessi: quelli con effetti “molto importanti” e “critici” sono stati il 74% del totale (Fonte Clusit, 2021).

Smart Building

Nel 2020 gli investimenti nelle componenti caratterizzanti uno Smart Building sono stati 7,67 mld € (fonte: Energy&Strategy Group, School of Management, Politecnico di Milano). Di questi, il 63% è relativo a impianti e tecnologie presenti all’interno degli edifici intelligenti; il 16% alle automation technologies, che includono la sensoristica connessa agli impianti; il 15% alle piattaforme di gestione e controllo, ovvero ai software di raccolta, elaborazione e analisi dei dati acquisiti dalla sensoristica installata sugli impianti; il 6% è legato all’infrastruttura di rete, componente che garantisce la trasmissione dei dati raccolti sul campo.

Le novità dai marchi distribuiti da Datacom Tecnologie

A Sicurezza, in accoppiata con Smart Building Expo, erano presenti 380 aziende da 27 Paesi e più di 50 appuntamenti formativi rivolti ai professionisti di settore. Tra queste c’erano molte imprese i cui marchi sono distribuiti da Datacom Tecnologie di Firenze, la quale aveva messo a disposizione dei propri clienti dei tagliandi omaggio di ingresso. «Abbiamo vissuto così tanto all’interno della nostra casa che adesso la sentiamo ancora di più nostra, ancora di più il nostro nido, ancora di più sacra. Quindi proprio questo sta muovendo sempre più persone a interessarsi ai sistemi antintrusione in grado di aumentare il proprio benessere e quello della famiglia»: sono le parole di Baldovino Ruggeri, amministratore delegato di Inim, nell’intervista rilasciata a Studio Aperto. L’azienda di Monteprandone era presente in fiera con un proprio stand.

Politec invece ha presentato le nuove barriere IP: attraverso il nuovo modulo interfaccia RS-485, è ora possibile realizzare impianti con un’unica infrastruttura di tipo Ethernet. Inoltre, grazie al nuovo software di centralizzazione POLITEC PRO CENTER, è possibile gestire e supervisionare un sistema completo che prevede barriere IR, sensori e flussi video IP provenienti da telecamere TVCC.

Presente a Sicurezza anche la Sicep di Certaldo con moltissime novità che a breve saranno introdotte sul mercato. Tra i prodotti esposti c’erano i sensori della serie MATRIX, in grado di proteggere tutte le aree esterne più sensibili, dall’abitazione ai grandi siti commerciali, e il sistema di trasmissione DALM3000 il quale permette il collegamento tra l’impianto antincendio e le centrali di ricezione.

Formazione: in Datacom disponibile il “Manuale delle tecnologie di sicurezza”

Un libro in cui trovare tutti i riferimenti utili per imparare a essere un ottimo installatore di sistemi di sicurezza. È il “Manuale delle tecnologie di sicurezza“, volume edito da Assosicurezza, l’associazione nazionale dei costruttori e distributori di sistemi di sicurezza, in collaborazione con IMQ (istituto italiano del marchio di qualità).

In un corpo di 636 pagine, il libro espone le tecnologie dei sistemi antintrusione, antifurto, antiscasso, videosorveglianza, controllo accessi, controllo varchi, antincendio e rivelazione gas e si pone come uno strumento basilare di informazione e di formazione per gli addetti alla sicurezza, compresi i progettisti e i consulenti. La prima edizione, con tiratura tremila copie, fu esaurita, per questo ne è stata fatta una nuova versione aggiornata, sempre a cura degli stessi autori che sono Vincenzo De Astis e Franco Dischi.

Datacom Tecnologie di Firenze mette in vendita questo volume a chi volesse avvicinarsi alla professione o chi, già facendola, intende perfezionarsi alle tecnologie di oggi. Basta contattare i tecnici commerciali e prenotare una copia, scrivendo una mail all’indirizzo mail info@datacomtecnologie.it.