Cavi Elan: ottenuta la Classe “Cca – S1a – d0, a1”

Nuovo traguardo per Elan, l’azienda marchigiana specializzata in cavi e batterie, partner di Datacom Tecnologie di Firenze. Il brand di Camerano ha infatti ottenuto, dopo una serie di test in azienda relativi alla resistenza al fuoco, la Classe Cca – S1a – d0, a1 per specifici cavi allarme LSZH schermati, cavi allarme LSZH twistati, cavi antincendio Elanfire e cavi Konnex. Ogni Stato definisce le classi di reazione al fuoco rispetto alle norme internazionali EN 13501-6.

Nonostante le difficoltà legate alle chiusure forzate del 2020 e alla congiuntura economica generale, Elan (conosciuta anche per il marchio Bigbat per le batterie) ha lavorato internamente per proseguire aggiornamento e implementazioni delle certificazioni in ambito CPR secondo la EN 50575, la normativa in vigore da luglio 2017 che specifica «i requisiti di prestazione alla reazione al fuoco, alle prove e i metodi di valutazione dei cavi elettrici utilizzati per l’alimentazione elettrica, il controllo e la comunicazione utilizzati nei lavori di costruzione soggetti a prescrizioni di resistenza all’incendio».

Il Regolamento Prodotti da Costruzione fa sì che i prodotti circolanti nell’Unione Europea godano di un linguaggio tecnico comune e, affinché si ottemperi a esso, i cavi devono godere di una “Declaration of Performance” prodotta dal costruttore. Elan cura ogni dettaglio affinché il prodotto sia in linea con la normativa CE e predispone una marcatura ben evidente sulla DOP in modo da evidenziare con chiarezza descrizioni sul prodotto e informazioni, come la classe di reazione al fuoco (vedi EN 50575). Questo fa sì che le autorità competenti, in caso di ispezioni sul materiale, possano ottenere tutto ciò di cui necessitano.

Trovi i prodotti Elan alla Datacom Tecnologie di Firenze: per maggiori informazioni contattaci cliccando qui o tramite la mail info@datacomtecnologie.it.

TVCC in azienda, niente “silenzio assenso”. Fatti aiutare da Datacom Videosorveglianza!

Non ci può essere il silenzio assenso per installare impianti di videosorveglianza capaci di controllare a distanza i lavoratori di un’azienda. Lo dice la nota dell’8 aprile 2019 con cui il Garante della privacy ha dato risposta a un quesito formulato dal Ministero del lavoro a sua volta interpellato dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro. In sostanza il dubbio era: se l’Ispettorato nazionale del lavoro non risponde a una richiesta di autorizzazione amministrativa legata alla tvcc all’interno di un’azienda, si può agire come se fosse un tacito consenso?

La risposta dunque è negativa per il Garante: l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori prevede illecita e sanzionabile a livello penale l’installazione di impianti audiovisivi capaci di controllare i lavoratori a distanza qualora non siano state attivate le procedure di garanzia. L’autorizzazione ha un iter di 60 giorni: una volta concluso, non si può parlare di silenzio assenso.

Ai sensi dell’articolo 4 della legge 300/1970, gli impianti e le apparecchiature, “dai quali può derivare anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l’Ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l´uso di tali impianti”. Insomma, senza accordo sindacale solo l’Ispettorato può valutare se le telecamere si possono mettere o meno e deve esprimersi in maniera netta.

Per avere un aiuto concreto su come installare il proprio impianto di videosorveglianza senza problemi dal punto di vista delle normative e della privacy, la soluzione più efficace è quella di affidarsi a Datacom Videosorveglianza, il servizio online che Datacom Tecnologie offre per ottemperare alle regole del GDPR. Scopri di più cliccando qui, andando sul sito dedicato oppure contattandoci alla mail info@datacomtecnologie.it o tramite il nostro form.

Hik-Pro Connect, la piattaforma di convergenza e di business management

La piattaforma Cloud HIK-ProConnect si pone come fulcro della convergenza: tutti i dispositivi Hikvision possono interagire fra loro in modo semplice ed efficace, come un unico sistema, con regole e scenari, creando interazioni tra Videosorveglianza, Intercom, Intrusione e Controllo Accessi.

HIK-ProConnect è una piattaforma per lo sviluppo e il management del business, in grado di semplificare il processo di programmazione e configurazione nonché la gestione dei tecnici e delle manutenzioni. Grazie ai numerosi tools di autodiagnosi, verifica e notifica, sarà possibile gestire il service in modo semplice e professionale con notevole beneficio sia per l’installatore che per l’utente finale. Hik-ProConnect è una piattaforma cloud unica, scalabile ed in continua evoluzione.

Quali sono i vantaggi?

Programmazione Semplificata – Gestione completa da PC oppure da mobile.

Convergenza dei dispositivi – Condivisione delle risorse e creazione di regole specifiche in funzione delle esigenze dell’Utente finale.

Configurazione ottimizzata – Aggiunta di più dispositivi contemporaneamente, da remoto o in loco.

Gestione remota a prova di GDPR – È possibile richiedere all’utente finale l’autorizzazione alla gestione dell’impianto e i permessi di accesso.

Monitoraggio Proattivo – Identificazione proattiva di eventuali malfunzionamenti all’impianto.

Gestione dei permessi a livelli – Possibilità di creare account secondari, ad esempio il gestore del sito e l’Utente finale.

Affidabilità certificata – Rispetto dei più alti standard di sicurezza e affidabilità.

Puoi scoprire di più scaricando la relativa brochure, cliccando qui. La pagina relativa sul sito di Hikvision è invece questa. Puoi chiedere comunque tutte le informazioni utili a Datacom Tecnologie di Firenze: puoi scrivere ai tecnici commerciali all’indirizzo info@datacomtecnologie.it oppure cliccando qui.

Con Sanihaze non abbassare la guardia dai rischi del Coronavirus!

Probabilmente le alte temperature non basteranno a spazzare via il Coronavirus. Per questo non dobbiamo abbassare la guardia, anzi è necessario affidarsi alle uniche misure efficaci in grado di proteggerci, sanificando gli ambienti in cui viviamo.

Sanihaze è il generatore di nebbia distribuito da Datacom Tecnologie di Firenze sanificante, portatile, che vuole migliorare la qualità della vita delle persone purificando e disinfettando qualsiasi area chiusa.

Le microscopiche particelle nebulizzate dal sistema Sanihaze, con rapido effetto battericida, penetrano anche nelle superfici più insidiose da raggiungere, per vivere al 100% anche gli spazi ad alto rischio di trasmissione di infezioni, oltre che all’interno di proprietà private o commerciali.

La nebbia generata da Sanihaze è la soluzione di prima scelta che non provoca danni a superfici ed oggetti su cui si deposita, non è irritante, non è infiammabile ed è sicura sulla pelle.

Sei interessato? Clicca qui per contattare Datacom!

Datacom, chiusura per ferie dal 17 al 21 agosto

Datacom Tecnologie ricarica le batterie. Lo farà soltanto per una settimana, con una chiusura per ferie fissata dal 17 al 21 agosto. Per la nostra aziende è stato comunque un mese all’insegna dell’operatività, per venire incontro alle richieste di tutti gli installatori e i clienti. Per ogni necessità, scrivici a info@datacomtecnologie.it o tramite il form Contatti.