Scopri il nuovo rivelatore lineare di fumo EDB01 di Inim

Datacom Tecnologie introduce nella propria scelta di prodotti il nuovo rivelatore lineare di fumo EDB01 di Inim, un dispositivo all’avanguardia che arricchisce e completa la gamma disponibile a catalogo. Questo innovativo rivelatore è progettato per garantire la massima efficienza e facilità di installazione, grazie al suo puntatore laser integrato e a un costo contenuto. Di seguito presentiamo le principali caratteristiche tecniche e funzionali di questo prodotto.

Caratteristiche principali

  • Allineamento manuale con puntatore laser. Il puntatore laser integrato semplifica l’allineamento manuale, permettendo una regolazione precisa e rapida del meccanismo di deflessione.
  • Collegamento al Loop Inim. Tramite il modulo EU311, il rivelatore può essere facilmente integrato nel loop Inim.
  • Alimentazione flessibile. Può essere alimentato separatamente o direttamente dal loop. Un singolo loop può supportare fino a 5 rivelatori, verificabili tramite software di calcolo loop.
  • Interfaccia Bluetooth. Consente il collegamento con smartphone per un controllo in tempo reale del rivelatore.
  • App Inim Fire. Disponibili gratuitamente per Android e iOS, queste app permettono la gestione e il controllo del rivelatore a distanza.

Copertura e configurazione

Il rivelatore di fumo ottico lineare EDB01 è progettato per coprire distanze variabili da 10 a 100 metri. Può operare fino a 50 metri con un singolo catarifrangente e fino a 100 metri utilizzando quattro catarifrangenti, tutti inclusi nella confezione. I relè di allarme e guasto permettono di abbinare il dispositivo a qualsiasi centrale o direttamente al loop Inim tramite il modulo EU311.

L’alimentazione può essere prelevata dal loop stesso per un massimo di cinque rivelatori per loop, una configurazione che deve essere verificata tramite il software di dimensionamento loop.

Facilità di installazione e uso

Le operazioni di allineamento del rivelatore EDB01 sono semplificate dal puntatore laser integrato, che consente di verificare esattamente il punto di destinazione del raggio. La sensibilità del rivelatore può essere impostata tramite i DIP SWITCH interni, permettendo di scegliere tra modalità autoripristinante o a ritenuta di allarme.

Grazie all’interfaccia Bluetooth, l’app Inim Fire consente di monitorare e controllare il rivelatore a distanza, offrendo un controllo immediato e in tempo reale.

Contatti

Per ulteriori informazioni sul rivelatore lineare di fumo EDB01 di Inim, non esitate a contattare i nostri tecnici commerciali di Datacom Tecnologie. Siamo a vostra disposizione all’indirizzo email info@datacomtecnologie.it.

Caratteristiche principali del rivelatore EDB01
Consumo a riposo20 mA
Consumo in allarme20-40 mA 
Temperatura di funzionamento-10°C … +55°C
Tensione di funzionamento12 / 30 V
Dimensione172 x 110 x 81 mm
Peso350 g

FA100 di Inim: l’avanguardia nella rivelazione fumo ad aspirazione

Il nuovo rivelatore FA100 di Inim rappresenta l’avanguardia nella tecnologia di rilevazione del fumo ad aspirazione, offrendo una soluzione completa e versatile per la sicurezza antincendio. Dotato di due canali indipendenti e tecnologia avanzata, il FA100 è progettato per soddisfare le più elevate esigenze di protezione antincendio.

Certificato LPCB per la massima sicurezza

Il rivelatore FA100 soddisfa i più elevati standard di sicurezza e ha ottenuto la prestigiosa certificazione LPCB, garantendo così un’affidabilità senza pari nel settore della sicurezza antincendio.

Due canali indipendenti per un sistema completo

Il FA100 è equipaggiato con due canali di campionamento indipendenti e versatili. Ogni canale è omologato secondo la norma EN54-20 e può essere configurato in classe A, B o C, a seconda delle esigenze specifiche di applicazione. Questa caratteristica garantisce una flessibilità ed efficacia senza precedenti.

Doppia tecnologia per un’analisi accurata

La tecnologia a doppia luce del FA100 assicura un’analisi precisa delle particelle di fumo. Utilizzando due fonti luminose con diverse lunghezze d’onda, il rivelatore è in grado di valutare con precisione le dimensioni del particolato aspirato, riducendo significativamente il rischio di falsi allarmi causati da polveri o nebbie.

Campionatura avanzata per ciascun tubo

Il FA100 prevede la misurazione accurata del flusso d’aria e della temperatura in ogni tubo di campionamento, garantendo così una monitorizzazione precisa. Con un tubo espandibile a due, il sistema può coprire fino a 160 metri di lunghezza totale e raggiungere fino a 100 metri di distanza dal foro di campionamento più lontano.

Software con CAD 3D per una progettazione intuitiva

Il software gratuito FA/STUDIO, dotato di CAD 3D integrato, facilita la progettazione delle condotte di campionamento e supporta l’importazione di disegni AUTOCAD. Fornisce i limiti normativi previsti e i dati tecnici necessari per il calcolo dei parametri dell’unità centrale, includendo funzionalità di diagnostica e reportistica. La programmazione, la diagnosi e la reportistica sono disponibili anche tramite connettività IP su rete WiFi integrata nel dispositivo.

Integrazione senza limiti

Il FA100 si integra perfettamente con i sistemi indirizzati di rivelazione incendio Inim tramite collegamento su loop e con i sistemi convenzionali attraverso uscite relè e morsetti I/O completamente programmabili. Questa compatibilità garantisce un’integrazione senza soluzione di continuità con le infrastrutture esistenti, rendendo il FA100 una scelta ideale per qualsiasi impianto di sicurezza antincendio.

Per ogni informazione sul prodotto i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie restano a disposizione alla mail info@datacomtecnologie.it.

Rilevazione gas, importanti normative in vigore dal 2024 per gli appartamenti destinati al turismo

Dal 1 gennaio 2024, è entrata in vigore una nuova normativa in Italia, volta a garantire la sicurezza negli appartamenti destinati all’affitto turistico. Il Decreto-legge 18 ottobre 2023, n. 145, coordinato con la legge di conversione 15 dicembre 2023, n. 191, introduce importanti disposizioni per assicurare la protezione degli ospiti in unità immobiliari ad uso abitativo gestite per fini turistici.

Secondo l’articolo 13-ter, paragrafo 7, della nuova normativa, le unità immobiliari ad uso abitativo soggette a locazione turistica devono rispettare rigorosi requisiti di sicurezza degli impianti. Ciò include, ma non è limitato a, dispositivi di rilevazione di gas combustibili e monossido di carbonio funzionanti. Ogni unità immobiliare deve anche essere dotata di estintori portatili, posizionati strategicamente in modo accessibile e visibile.

La normativa specifica che gli estintori devono essere installati in ragione di uno ogni 200 metri quadrati di pavimento, o frazione, con un minimo di un estintore per piano. La tipologia di estintori da utilizzare è stabilita nel punto 4.4 dell’allegato I al decreto del Ministro dell’interno del 3 settembre 2021.

Un aspetto rilevante è che questa normativa si applica alle unità immobiliari gestite nelle forme imprenditoriali di cui al comma 8. Ciò implica che i gestori di appartamenti destinati all’affitto turistico devono assicurarsi che le proprietà rispettino scrupolosamente i requisiti di sicurezza stabiliti dalla normativa statale e regionale vigente.

L’inosservanza di tali disposizioni può comportare sanzioni significative per i gestori di unità immobiliari ad uso turistico. È fondamentale che i proprietari e i gestori siano consapevoli degli obblighi imposti dalla legge e adottino le misure necessarie per garantire la sicurezza degli ospiti.

Questa nuova normativa rappresenta un passo importante per migliorare la sicurezza negli appartamenti ad affitto turistico in Italia. Gli ospiti possono ora sentirsi più sicuri e i gestori sono chiamati a conformarsi scrupolosamente ai requisiti di sicurezza stabiliti per garantire un’esperienza positiva e protetta per tutti coloro che scelgono di soggiornare in unità immobiliari turistiche nel paese. Per una dotazione adeguata per soddisfare i requisiti di sicurezza e di legge è possibile chiedere una consulenza ai tecnici commerciali di Datacom Tecnologie di Firenze alla mail info@datacomtecnologie.it.

Clicca qui per scaricare la Gazzetta Ufficiale. Qui sotto ecco invece le soluzioni proposte da Tecnocontrol.

Previdia Micro, la centrale che trasforma il convenzionale in innovazione

In casa Inim è arrivata la versione Micro di Previdia, la centrale convenzionale per rivelazione incendio, gas e sistemi di spegnimento, nata per offrire un approccio rivoluzionario ai sistemi convenzionali attualmente sul mercato.

Previdia Micro combina le caratteristiche avanzate della serie Previdia, mantenendo al contempo la semplicità e la comodità delle soluzioni convenzionali. Queste centrali possono essere potenziate con schede aggiuntive e hanno la capacità di collegarsi alla rete HORNET+ con altre centrali analogico indirizzate della stessa gamma. Tale funzionalità consente anche la gestione del sistema attraverso l’app Inim Fire, che fornisce servizi di videoverifica e notifiche in tempo reale. Le centrali Previdia Micro, tramite la porta ethernet inclusa, possono essere collegate all’Inim Cloud Fire.

Le centrali Previdia Micro gestiscono quattro zone di rivelazione (incendio o gas con relè o 4-20mA); quattro terminali funzione T (rivelazione incendio, gas, ingresso funzione o uscita a bassa potenza); tre terminali I/O (rivelazione incendio, ingresso o uscita ad alta potenza.

Con Previdia Micro i sistemi convenzionali si arricchiscono di funzionalità avanzate, per renderli smart e flessibili, senza rinunciare a immediatezza e praticità.

  • Display LCD a colori con touch screen
  • Localizzazione origine segnalazioni tramite mappe grafiche
  • Videoverifica tramite telecamere IP ONVIF
  • Connessione in Network Hornet+ con le centrali analogiche della stessa serie
  • Connessione a Inim Cloud Fire
  • Gestione di un canale di spegnimento

Per conoscere come Previdia Micro trasforma il convenzionale in innovazione contatta i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie di Firenze all’indirizzo info@datacomtecnologie.it o tramite il form sul sito web. Puoi invece scaricare i manuali del prodotto dalla pagina del produttore.

Previdia Ultravox: l’integrazione completa della sicurezza di un edificio

Nuovo modello firmato Inim all’interno della gamma Previdia, col quale l’azienda aggiunge un nuovo dispositivo in un percorso che va avanti da anni per la gestione della sicurezza degli edifici a 360 gradi: si chiama, infatti, Previdia Ultravox, l’ultimo arrivato nella famiglia Inim.

Ultravox aggiunge, alle già sicure e consolidate tecnologie come rivelazione ed allarme incendio, rivelazione gas, gestione illuminazione di emergenza, gestione dei sistemi di spegnimento a gas, video verifica e video rivelazione tramite telecamere IP, visualizzazione degli eventi su mappe grafiche, anche la gestione di EVAC (sistemi di evacuazione vocale) e di Public Addressing (comunemente conosciuti come filodiffusione).

Tra le caratteristiche che Ultravox conserva – insieme ai modelli precedenti – c’è l’opportunità di essere connesso all’ Inim Cloud Fire, un servizio gratuito grazie al quale è possibile avere il controllo da remoto. Senza dimenticare che l’App Inim Fire consente di sfruttare tutte le potenzialità dei sistemi cloud (che siano Android o Apple) consentendo nella teoria e nella pratica di avere una supervisione immediata e una manutenzione guidata; e poi una diagnostica in tempo reale del sistema ed una gestione del registro di impianto e manutenzioni professionale. Sommando tutte queste skills, si ottiene un sistema che funziona, autorevole, innovativo e semplice da utilizzare e controllare anche senza essere sul posto.

Tutti i componenti e gli accessori della gamma Previdia rispondono alle indicazioni delle norme del settore e di conseguenza godono delle certificazioni dai più autorevoli enti del settore, potendo godere dell’esposizione di diversi marchi di qualità quali LPCB, IMQ, UL-EU, BOSEC e altri ancora.

Ma perché la nascita o lo sviluppo di Previdia Ultravox? Perché Inim è fermamente convinta che un sistema per la gestione della sicurezza possa veramente essere efficace ed efficiente solo può offrire la possibilità di integrare tutte le tecnologie che orbitano intorno ad un edificio, oltre alla (non secondaria) esigenza di mettere a disposizione mezzi adeguati per la gestione, l’esercizio e la manutenzione, così da conferire al sistema la dovuta credibilità.

Se vuoi avere info e spiegazioni ulteriori, Datacom è tua disposizione: contatta per ogni domanda i nostri tecnici commerciali di Firenze alla mail info@datacomtecnologie.it oppure tramite il form Contatti, cliccando qui

Formazione: in Datacom disponibile il “Manuale delle tecnologie di sicurezza”

Un libro in cui trovare tutti i riferimenti utili per imparare a essere un ottimo installatore di sistemi di sicurezza. È il “Manuale delle tecnologie di sicurezza“, volume edito da Assosicurezza, l’associazione nazionale dei costruttori e distributori di sistemi di sicurezza, in collaborazione con IMQ (istituto italiano del marchio di qualità).

In un corpo di 636 pagine, il libro espone le tecnologie dei sistemi antintrusione, antifurto, antiscasso, videosorveglianza, controllo accessi, controllo varchi, antincendio e rivelazione gas e si pone come uno strumento basilare di informazione e di formazione per gli addetti alla sicurezza, compresi i progettisti e i consulenti. La prima edizione, con tiratura tremila copie, fu esaurita, per questo ne è stata fatta una nuova versione aggiornata, sempre a cura degli stessi autori che sono Vincenzo De Astis e Franco Dischi.

Datacom Tecnologie di Firenze mette in vendita questo volume a chi volesse avvicinarsi alla professione o chi, già facendola, intende perfezionarsi alle tecnologie di oggi. Basta contattare i tecnici commerciali e prenotare una copia, scrivendo una mail all’indirizzo mail info@datacomtecnologie.it.

Rilevatore gas Techno Control

TS255: Rivelatore gas industriale n grado di rilevare due gas contemporaneamente:

Rivelatore Gas industriale,  in grado di rilevare due gas contemporaneamente, per applicazioni come i parcheggi interrati o dovunque è necessario rilevare gas di natura diversa.

Continua a leggere