Telecamera finta? Meglio di no: ecco dei buoni motivi

Telecamere finte come deterrente per i malintenzionati? Meglio non metterle. A dirlo è il Garante della Privacy il quale specifica come, pur non essendoci violazione per il Gdpr e il trattamento dei dati personali, si possono creare le condizioni per cui le persone vengono influenzate dalla presenza di uno strumento in realtà non attivo. Questa condotta, quindi, può essere oggetto di contestazione.

«L’installazione meramente dimostrativa o artefatta, anche se non comporta trattamento di dati personali – si legge nel provvedimento generale 29 aprile 2004 – può determinare forme di condizionamento nei movimenti e nei comportamenti delle persone in luoghi pubblici e privati e pertanto può essere legittimamente oggetto di contestazione».

In questo caso a risponderne sarà il soggetto che ha preso la decisione di mettere le telecamere finte. Lo stesso vale qualora si appendano cartelli per segnalare la presenza di videosorveglianza quando ci sono apparecchi fittizi o addirittura un bel niente: addirittura qui si profila una situazione di falso affidamento dove la probabilità di dover risarcire qualcuno aumenta considerevolmente, essendo palesemente mendace l’informazione che viene comunicata.

Per il Gdpr ovviamente non ci sono problemi in quanto non si producono dati sensibili: l’applicazione del regolamento europeo infatti non c’è «nell’ipotesi di telecamere finte (o che comunque non registrano video o immagini), in quanto non vengono elaborati dati personali (ma su questo punto devono essere approfonditi i possibili risvolti penali)». Questo però non sostituisce quanto detto in precedenza, per questo gli esperti di Datacom Tecnologie raccomandano di installare apparecchi reali e funzionanti in modo da essere più sicuri e non incappare in problemi. Per informazioni e consulenza: info@datacomtecnologie.it.

Formazione: evento Ajax martedì 11 ottobre

Datacom Tecnologie di Firenze è lieta di organizzare un nuovo momento formativo dedicato ai sistemi di Ajax System. L’appuntamento è gratuito e si terrà martedì 11 ottobre alle 10 nella sala corsi di via Arrigo da Settimello 5/7 a Firenze. Ci si iscrive attraverso la piattaforma Eventbrite, cliccando qui.

Dopo il caffè di benvenuto, i tecnici di Datacom Tecnologie e l’Area manager di Ajax System saranno a disposizione di installatori e progettisti per dimostrazioni pratiche e delucidazioni riguardo ai sistemi di sicurezza Ajax. Alle 11 inizierà la proiezione del quarto Special Event di Ajax System dal titolo “Comfort zone”, una grande presentazione virtuale delle ultime novità hardware e software a cui l’azienda ha lavorato di recente come le nuove funzionalità in PRO Desktop e rivoluzionari scenari di automazione. Partecipare con Datacom permetterà ai clienti di avere la possibilità di pre-ordinare i nuovi prodotti. Per informazioni: info@datacomtecnologie.it.

Focus Hikvision: le nuove offerte ottobre-dicembre 2022

Hikvision ha pubblicato la nuova versione trimestrale di FOCUS e delle offerte a esso collegate. Il catalogo sarà in vigore dal 1 ottobre al 31 dicembre 2022.

Numerosi gli inserimenti in questa edizione:

  • INTRUSION – Rilevatore Banda K a soffitto (360°) & due AXPro tastiere wireless Led di cui la nuovissima Lcd con lettore di prossimità integrato
  • COLORVU IP – Panoramiche 4K Live Guard e nuova Mini Dome 2CD25 a 4MP
  • COLORVU – Telecamere analogiche 3K
  • TANDEMVU – Nuove PTZ a 4″ con telecamera di contesto integrata, dal design elegante e compatto, dotate di tecnologia Acusense e ColorVu (compatibili con AXPro)
  • TERMICHE – Telecamera HeatPro PTZ a 4″
  • EASY IP 4.0 – Telecamere con tecnologia Acusense powered by Dark Fighter a 4MP e 4K & telecamere 6MP in versione Panoramica Live Guard
  • CONTROLLO ACCESSI – Terminali K1T502 con e senza telecamera a 2MP, compatto e con altro grado di protezione meccanica

Datacom Tecnologie di Firenze, contattandola alla mail info@datacomtecnologie.it, è in grado di farti avere la versione aggiornata di Focus con i relativi prezzi. Per sfogliare il catalogo senza i prezzi, utilizza il player sottostante altrimenti clicca qui.

Inim presenta Air2-UT100/S, il nuovo trasmettitore universale più compatto e con maggiore portata radio

Inim ha recentemente presentato Air2-UT100/S, il nuovo trasmettitore universale più compatto e con maggiore portata radio.

Il dispositivo permette di trasformare segnali provenienti, ad esempio, da sensori cablati per esterno in segnali via radio verso la centrale, facilitandone in questo modo il collegamento. Dotato di morsetti di ingresso, sabotaggio e alimentazione per i componenti esterni, è inoltre protetto da tentativi di rimozione.

Oltre a due ingressi (il secondo ingresso sarà disponibile in funzione della versione delle centrali e del ricetrasmettitore Air2-BS200) per la segnalazione di allarme, è dotato di un’uscita di alimentazione per fornire fino a 3.6 V di corrente elettrica ai componenti esterni collegati.

Air2-UT100/S dispone inoltre di un ulteriore ingresso per il collegamento di eventuali contatti di sabotaggio e un dispositivo antisabotaggio inerziale escludibile, per la protezione da tentativi di rimozione.

Queste sono le principali caratteristiche:

  • Completa compatibilità con le installazioni già effettuate.
  • Nuovo hardware compatto.
  • Range di portata raddoppiato (rispetto al dispositivo UT100).
  • Antisabotaggio inerziale escludibile.
  • Batteria al litio da 2800mAh.
  • Possibilità di aumentarne l’autonomia utilizzando una batteria al litio da 14500mAh

Per avere maggiori informazioni o dettagli i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie sono a disposizione alla mail info@datacomtecnologie.it.

Rilevare la temperatura ambiente: Inim presenta la tecnologia wireless Air2-SenseTH100/W

Inim non smette di innovare la propria gamma di prodotti e introduce nel proprio catalogo Air2-SenseTH100/W, il nuovo sensore di temperatura e umidità. Si tratta di uno strumento wireless con la capacità di estendere la funzione termostato della centrale antifurto di ulteriori 15 zone climatiche indipendenti e controllate via radio. Lo strumento garantisce una precisione fino a 0.2 °C, senza necessità di calibrazione.

L’isteresi programmabile su 4 valori (0.1 / 0.2 / 0.3 / 0.4 °C.) assicura l’efficienza del dispositivo, inoltre la staffa posteriore di cui è dotato consente l’istallazione rapida e semplice tramite l’impiego di una vite o di nastro biadesivo.

È possibile configurare fino a 15 sonde collegabili in centrale e gestire contemporaneamente fino a 15 zone climatiche dotate di propri termostati indipendenti.

La batteria al litio CR2032 da 3V incorporata, la cui autonomia è garantita per quattro anni, può essere sostituita dall’utente finale senza generare una segnalazione di sabotaggio all’apertura del contenitore.

Inim precisa comunque che il rilevamento dell’umidità sarà disponibile su successive versioni delle centrali e del ricetrasmettitore Air2-BS200. Per ulteriori info puoi chiedere ai tecnici commerciali di Datacom Tecnologie, all’indirizzo info@datacomtecnologie.it.

Con InimTech Security programmi Sol in soli dieci minuti

Una sola app per programmare integralmente le centrali Sol, effettuare il collegamento con il servizio Inim Cloud e configurare velocemente le periferiche wireless. Si tratta di InimTech Security, uno strumento che permette con pochi clic di poter mettere in atto tutta una serie di funzioni. Tra queste troviamo la connessione alla rete Wi-Fi, l’associazione Cloud tra centrale e installatore e tra centrale e utente finale, la scelta della lingua di centrale, la programmazione di altri parametri e l’arruolamento di dispositivi wireless.

Questo video illustra come in soli dieci minuti sia possibile programmare una centrale. Utilizza i capitoli del video per visualizzare le fasi principali della configurazione tramite app InimTech Security. Se hai dubbi o necessiti di chiarimenti, non esitare a contattare i nostri tecnici commerciali all’indirizzo info@datacomtecnologie.it o cliccando sull’apposita sezione del sito.

Corso Fibra by Ajax: un evento Datacom di successo

La ripresa dopo l’estate si è fatta sentire in Datacom Tecnologie anche nel settore della formazione e dell’aggiornamento dedicato ai professionisti della sicurezza. È andato infatti molto bene l’evento del 15 settembre scorso a Firenze dedicato a Fibra, la vera e propria rivoluzione nel mondo delle tecnologie cablate promossa da Ajax.

L’iniziativa si è tenuta sia l mattina che il pomeriggio, con un aperitivo che si è tenuto tra le due sessioni. Durante l’incontro si è parlato della soluzione ibrida di Ajax Systems Fibra e del suo protocollo, con le sue caratteristiche e prestazioni, oltre alla configurazione del BUS. È stata illustrata la relativa gamma di prodotti, approfondito come si programma un impianto a livello base, la messa di atto del test di alimentazione, della qualità del segnale e del walk test, oltre alla verifica dei parametri avanzati del sistema. I partecipanti hanno potuto sostenere il test per ottenere la certificazione avanzata Fibra per installatori professionisti.

Su questo sito sarà possibile aggiornarsi sui prossimi corsi di formazione interni a Datacom Tecnologie o promossi dalle sue aziende partner.

Tecnologia Ajax Fibra: come installare un sistema di sicurezza cablato in sei ore

Le innovazioni dell’Ajax hanno raggiunto un nuovo livello. Contrariamente alla tecnologia degli anni Ottanta ancora presente nel settore della sicurezza, gli ingegneri della casa produttrice ucraina hanno sviluppato Fibra, una tecnologia cablata di generazione digitale. Fibra unisce l’affidabilità dei fili alla libertà del collegamento radio. Un comune cavo quadripolare, accoppiato a Fibra, mostra caratteristiche assolutamente straordinarie.

Fino a 2.000 metri di connettività, compatibilità con tutti i tipi di dispositivi, 60 ore di funzionamento di un sistema composto da 30 dispositivi su batteria tampone, antisabotaggio avanzato, verifica foto, notifiche istantanee, installazione senza problemi e configurazione da remoto tramite un’app: tutto ciò che era possibile in wireless Ajax è ora disponibile con cavi e Fibra.

Questo video ti aiuterà a capire come è possibile installare un sistema di sicurezza cablato Fibra in sole sei ore.

Datacom Tecnologie ti aspetta al corso in programma il 15 settembre 2022: iscrizioni al link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-corso-ajax-fibra-una-rivoluzione-nel-mondo-delle-tecnologie-cablate-387421767937.

Antincendio: Datacom presenta la linea Taurus di Hyfire, da oggi anche in versione nera

Datacom Tecnologie di Firenze ha introdotto nella propria linea di prodotti quelli a marchio Hyfire dedicati al settore antincendio, tra questi anche la nuova tecnologia antincendio wireless Taurus, conforme alle normative EN54-25.

La peculiarità di queste apparecchiature è rappresentata dall’utilizzo di un protocollo innovativo e dall’utilizzo del nuovo software TauREX di gestione del sistema wireless, il quale consente una configurazione semplice ed intuitiva dall’installazione, alla messa in servizio fino alla manutenzione. Taurus include un’ampia gamma di dispositivi di rilevazione, controllo e di allarme antincendio wireless ad alte prestazioni, offrendo performance senza precedenti, in termini di scalabilità e di affidabilità.

A livello tecnologico, Taurus attraverso Network Optimiser può contare su una gestione del segnale ottimizzata su 60 canali di comunicazione affinché non si verifichino collisioni di segnale a prescindere dalla dimensione dell’edificio o dalla sovrapposizione di infrastrutture wireless. Un’elevata affidabilità del sistema è garantita da SafeSwitch, tecnologia a doppio canale ridondante, applicata ad ogni dispositivo Taurus e ad ogni translator ed expander. Il sistema può essere progettato in modo semplice e intuitivo attraverso le funzioni innovative EasyScan e ConfigWizard.

Gli expander Taurus utilizzano la tecnologia mesh SafePath di Hyfire per la massima affidabilità del sistema. Se uno degli expander viene a mancare, la trasmissione dei dati che si appoggiavano ad esso segue il percorso alternativo stabilito, garantendo la continuità della comunicazione.

Novità del mese di settembre 2022 è la nuova linea Taurus dal design nero: in questo modo si viene incontro alle esigenze di edifici con interni scuri o soffitti neri, quando un sensore antincendio bianco standard non rappresenta la soluzione estetica ideale. Niente ovviamente cambia rispetto a all’impianto tecnologico, ai materiali utilizzati e alle performance. È stato inoltre presentato l’Expander Convenzionale Taurus con Display conforme alla normativa UNI 9795, che consente la visualizzazione in modo diretto di segnalazioni di allarme o guasto. Il dispositivo è stato progettato per consentire l’integrazione di dispositivi di rilevazione e di allarme wireless con qualsiasi tipo di sistema, analogico indirizzato o convenzionale.

Sui prodotti Taurus è possibile chiedere tutte le informazioni ai tecnici commerciali di Datacom Tecnologie di Firenze alla mail info@datacomtecnologie.it e tramite il form Contatti del sito.

DualCurtain Outdoor: tecnologia Ajax a guardia del perimetro

La linea di prodotti Ajax include un rilevatore di movimento a tendina bidirezionale in grado di monitorare fino a 30 metri di perimetro, proteggendo efficacemente gli accessi a finestre, porte, archi, recinzioni e vetrine.

Dal 2020 a seguire l’azienda ucraina ha rafforzato la propria esperienza ingegneristica per approfondire la sicurezza esterna, l’area più complessa per i produttori operanti in questo settore. I rilevatori da esterno possono spesso essere una seccatura per i professionisti: fenomeni naturali, caldo, pioggia e neve innescano molti falsi allarmi. Con l’esperienza nello sviluppo dei sistemi ottici e dei filtri software per falsi allarmi, Ajax ha iniziato a lavorare su un rilevatore di movimento per esterni con un angolo di visione ristretto, ottenendo risultati interessanti.

DualCurtain Outdoor combina sistemi di lenti brevettati, un nuovo algoritmo digitale per contrastare falsi allarmi addestrati su milioni di attivazioni, un’opzione di rilevamento del movimento in un’area vicina e impostazioni altamente flessibili. Tutto questo funziona a batteria per anni di durata.

Due rivelatori in un corpo

Ogni elemento DualCurtain Outdoor incarna l’idea di precisione ingegneristica. Linee morbide, lenti incassate e sensori di mascheratura formano un corpo antipioggia aerodinamico. Il pannello di montaggio SmartBracket consente di fissare in modo semplice e sicuro il rilevatore alla superficie mentre si chiude il pannello di configurazione.

I lati del rivelatore sono regolati indipendentemente. Con i comandi sul pannello posteriore è possibile determinare la distanza di rilevamento per ciascun lato, l’attivazione del rilevamento nell’area in prossimità di un apparecchio e lo spostamento verticale del settore visivo di 3° in modo che le sezioni sporgenti dalla facciata non ostacolino la visuale del rivelatore.

Nell’app Ajax, ogni lato del rilevatore può essere controllato separatamente: abilita/disabilita i sensori IR o di mascheramento, rendendoli permanentemente attivi indipendentemente dalla modalità inserita e regola la sensibilità. L’app consente di regolare in modo flessibile l’interazione con il rilevatore: impostare ritardi di ingresso/uscita, collegare l’attivazione delle sirene a un determinato lato o creare uno scenario di automazione per un allarme del rilevatore.

DualCurtain Outdoor protegge le aree più remote grazie a un raggio di connessione fino a 1.700 metri dall’hub. E nei siti complessi, i range extender del segnale radio possono aiutare a creare una solida protezione perimetrale indipendentemente dalla scala.

Doppio filtraggio contro i falsi allarmi

Con due sensori IR su ciascun lato, DualCurtain Outdoor è efficace contro i falsi allarmi. Il rilevatore non reagisce se solo un sensore ha rilevato il movimento. Quando entrambi i sensori vengono attivati, il rivelatore attiva lo speciale algoritmo digitale ELSA. In una frazione di secondo, ELSA esegue un’analisi del segnale in tre fasi, filtrando i disturbi naturali e gli animali, e conclude se lanciare o meno un allarme.

Tre fasi dell’algoritmo digitale ELSA

1. Analisi della forma

ELSA confronta le forme d’onda del segnale dai sensori IR. Entrambe le forme devono corrispondere al movimento dell’oggetto che irradia calore nell’area protetta. Le forme devono combaciare in qualsiasi direzione: perpendicolare o lungo la direzione dell’ottica del rivelatore. Nella stessa fase, viene analizzata l’intensità del segnale per considerare la distanza della fonte di calore dai sensori e la sua dimensione.

2. Confronto tra modelli

Le ampiezze del segnale vengono verificate con il database dei pattern. Per crearlo, abbiamo analizzato milioni di trigger di test di rilevatori a tenda su persone, animali, luci e altri disturbi naturali in varie condizioni meteorologiche. I segnali devono corrispondere ai modelli tipici per gli esseri umani.

3. Verifica del tempo

Quando i segnali di entrambi i sensori IR corrispondono alle condizioni (questo è un movimento ed è tipico per un essere umano), ELSA confronta gli intervalli di tempo in cui i segnali si attivano, determinando se i sensori superiore e inferiore hanno rilevato il movimento in modo sincrono.

Evoluzione del rilevatore a tenda

Dopo aver analizzato i punti deboli dei rilevatori a tenda per esterni, abbiamo dotato DualCurtain Outdoor di una tecnologia unica per estendere l’area protetta. Quando il rilevamento dell’area vicina è attivato, il sensore IR superiore del rilevatore riceve un settore visivo ristretto aggiuntivo, diretto con un angolo di 40 gradi verso il basso. Questo aiuta a rilevare il movimento quando si verifica un tentativo di intrusione vicino al corpo stesso del DualCurtain Outdoor, risolvendo il problema dell’angolo cieco (un problema tipico di tali rilevatori). Questa tecnologia brevettata Ajax Systems è indispensabile per la protezione di facciate e strutture architettoniche complesse.

Affidabilità che è diventata un brand

Ajax si è assicurata che DualCurtain Outdoor funziona fino a 4 anni con batterie in dotazione e ha una protezione completa contro i sabotaggi. Eventuali problemi, come tentativi di disattivazione del rilevatore o batteria scarica, verranno immediatamente segnalati dal sistema agli utenti e alla società di sicurezza.

Il rilevatore è dotato di un pulsante antimanomissione che reagisce alla rimozione dal supporto e al distacco di DualCurtain Outdoor dalla superficie. E grazie all’intervallo di polling hub-detector configurabile, il sistema è in grado di identificare una perdita di connessione con DualCurtain Outdoor in meno di un minuto. Il rilevatore soddisfa il Grado 2 secondo la norma EN 50131 ed è dotato di un sistema antimascheramento che rileva i tentativi di bloccare la visuale o di dipingere sopra le lenti.

DualCurtain Outdoor è adatto a resistere a ogni tipo di maltempo. Il corpo del rivelatore è protetto da polvere e schizzi e l’elettronica funziona a temperature da -25°C a +60°C e umidità fino al 95%.

Tutto questo combinato garantisce un sonno tranquillo degli utenti e la fiducia delle società di sicurezza nelle apparecchiature con cui lavorano. Datacom Tecnologie di Firenze è invece in grado di soddisfare tutte le richieste e le curiosità degli installatori e dei professionisti della sicurezza scrivendo alla mail info@datacomtecnologie.it o tramite il form Contatti.