Termoscanner Hikvision, raggiunte le conformità EN 80601-2-59, EN 60601-1-1 e EN 60601-1-2

Hikvision ha annunciato di aver raggiunto l’importante traguardo della conformità dei termoscanner Hikvision alle normative vigenti EN 80601-2-59EN 60601-1-1 e EN 60601-1-2.

A seguito di diversi test eseguiti nei laboratori accreditati ACCREDIA, è stato comunicato che i seguenti dispositivi

  • Telecamere termiche DS-2TD1217B-3/PA, DS-2TD1217B-6/PA, DS-2TD2617B-3/PA, DS-2TD2617B-6/PA, DS-2TD2636B-15/P, DS-2TD2637B-10/P
  • Termoscanner Portatili DS-2TP21B-6AVF/W, DS-2TP31B-3AUF
  • Terminali Controllo Accessi DS-K1T671TM-3XF, DS-K5671-3XF/ZU, DS-K5604A-3XF/V, DS-K1TA70MI-T

hanno superato con successo le prove di verifica della compatibilità elettromagnetica per apparecchi elettromedicali, ottenendo la conformità alla norma particolare che stabilisce le prescrizioni sulla sicurezza fondamentale e le prestazioni essenziali di termografi di screening per la verifica della temperatura febbrile umana. Sottoposti ad analisi metrologica in laboratorio italiano, hanno mostrato uno scarto medio sulle misure nominali pari a 0.1°C.   

Sono due traguardi che hanno il significato di ripartenza, i quali permettono a Hikvision di arricchire la propria proposta tecnica con due dati di fondamentale importanza: precisione e conformità agli standard vigenti in ambito medico.

Puoi scaricare le schede dei prodotti cliccando qui. I prodotti Hikvision sono disponibili sullo shop online di Datacom Tecnologie, cliccando qui. Per info scrivi a info@datacomtecnologie.it oppure tramite il form online.

In arrivo i nuovi radiocomandi bidirezionali Air2 di Inim

Da questo mese di settembre Inim ha reso disponibili i radiocomandi bidirezionali della linea Air2, che andranno a sostituire quelli già in commercio, senza variazioni di estetica e prezzo, ma con un nuovo hardware e un’elettronica rinnovata.

Più potenza di trasmissione e più portata sono i principali punti di forza dei radiocomandi Air2 di Inim. Più portata, per una maggiore distanza di collegamento. Sono compatibili con tutta la gamma di centrali SmartLiving, Prime e Sol e sono dotati di otto macro in più rispetto alle attuali quattro (solo per centrali Prime 3.00, Sol 1.03, B5200 6.03, disponibili a breve. Non per centrali SmartLiving).

Questi sono invece i nuovi codici d’ordine:

• Air2-KF100/S: radiochiave standard, colore nero.

• Air2-KFPEBBLE/SR: radiochiave Pebble, colore rosso.

• Air2-KFPEBBLE/SG: radiochiave Pebble, colore grigio.

• Air2-KFPEBBLE/SA: radiochiave Pebble, colore blu avio.

• Air2-KFPEBBLE/SB: radiochiave Pebble, colore bianco.

• Air2-KFERGO/SN: radiochiave Ergo, colore nero.

• Air2-KFERGO/SB : radiochiave Ergo, colore bianco.

Puoi chiedere informazioni maggiori ai tecnici commerciali di Datacom Tecnologie di Firenze: mail info@datacomtecnologie.it oppure tramite il form di contatto.

Imola, Datacom ancora in cima la podio della Premoto3 con Guido Pini

Ancora una volta Guido Pini porta Datacom Tecnologie di Firenze in cima al podio. Lo fa a Imola domenica 6 settembre 2020 nella gara di Premoto3 del Campionato Italiano Velocità. Il pilota sponsorizzato Datacom del CS AC Racing Team è stato bravo sul finale a superare Edoardo Liguori (RMU Team Pasini Racing) e Leonardo Zanni al suo primo podio, con Demis Mihaila quarto. Adesso Pini è secondo in classifica con 91 punti a soli sette punti da Lolli, soltanto settimo a Imola.

Datacom è orgogliosa del proprio campione!

“Tecnici Manutentori FIRE-EVAC”, corso online di Anie e IMQ

La Federazione ANIE, aderente a Confindustria e rappresentante le imprese elettrotecniche ed elettroniche che operano in Italia, organizza dal 6 al 9 ottobre 2020 il corso di formazione “Tecnici Manutentori FIRE-EVAC”, giunto alla sua ottava edizione, dedicato ai componenti di impianti di rivelazione automatica e manuale antincendio e di evacuazione audio. La modalità utilizzata sarà il webinar, in quattro giornate formative, dalle 9 alle 18.

Il corso è propedeutico alla certificazione della figura professionale del Tecnico Manutentore (IMQ-ANIE T.I.R.A.E). L’obiettivo è quello di offrire a tutti gli operatori del settore una preparazione puntuale attraverso un programma didattico – sia tecnico che pratico – che fornisce da un lato le competenze necessarie per l’attività di manutenzione dei presidi e degli impianti antincendio e dall’altro la corretta informazione a tutte le figure che operano nel settore delle tecniche di manutenzione, alla luce delle norme e della legislazione vigente.

Lo schema di certificazione, frutto dello stretto scambio di esperienze tra Anie nel settore della prevenzione incendi e IMQ nel campo della certificazione delle figure professionali, rappresenta un chiaro elemento distintivo e di valore per le aziende. Fornisce una risposta a un settore che richiede operatori preparati e affidabili in grado di garantire i produttori e i distributori sul corretto utilizzo dei loro prodotti. Garantisce i committenti, offrendo loro l’evidenza di essersi rivolti a imprese affidabili e selezionate, strutturate con professionisti competenti e sempre aggiornati sulle nuove tecnologie.

Il programma e la scheda del corso sono scaricabili cliccando qui.

Inim presenta Intrusion BookNotes: un nuovo strumento a supporto dell’installatore

In un mercato sempre più competitivo e distorto dai prodotti fai-da-te, la formazione e la professionalità fanno la differenza. Ecco perché oggi Inim offre ai propri installatori un nuovo strumento: Intrusion BookNotes. Un supporto cartaceo, utile per la presentazione ai clienti come un professionista della sicurezza, capace di proporre un sistema antintrusione Inim serio e affidabile, in linea con l’attuale Norma CEI EN50131.

Intrusion BookNotes mostra in sequenza tutti i prodotti antintrusione e domotici Inim. Permette al cliente di potersi chiarirsi le idee sulle sue specifiche esigenze.

L’installatore è guidato nella formulazione di un preventivo chiaro e dettagliato ed è supportato nell’elaborazione di un progetto condiviso con il cliente.

BookNotes illustra al cliente come proteggere al meglio la sua famiglia e i suoi beni, scoraggia la scelta di impianti giocattolo che non danno sicurezze e favorisce l’acquisto di un sistema Inim, che garantisce protezione reale.

Prendi gratis il tuo Intrusion BookNotes presso Datacom Tecnologie di Firenze, chiedilo alla mail info@datacomtecnologie.it o tramite il form di contatto. Puoi anche andare sul sito Inim se sei registrato, cliccando qui.

TVCC: come utilizzare i tre metodi di autoripristino della password dei dispositivi Hikvision

Hikvision ha recentemente messo a disposizione per i propri clienti un manuale che insegna a utilizzare i tre metodi di autoripristino della password dei dispositivi della propria casa costruttrice.

Per resettare in autonomia la password dei propri dispositivi video (telecamere IP, DVR e NVR), i metodi disponibili sono il ripristino mediante l’utilizzo del file GUID, mediante l’utilizzo di Domande Di Sicurezza o tramite l’utilizzo di Email Riservata.

Il manuale di 21 pagine è scaricabile cliccando qui oppure è visibile nello sfogliatore sottostante. Se hai dubbi o necessità puoi contattare i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie di Firenze, tramite la mail info@datacomtecnologie.it o il form dedicato.

Cavi Elan: ottenuta la Classe “Cca – S1a – d0, a1”

Nuovo traguardo per Elan, l’azienda marchigiana specializzata in cavi e batterie, partner di Datacom Tecnologie di Firenze. Il brand di Camerano ha infatti ottenuto, dopo una serie di test in azienda relativi alla resistenza al fuoco, la Classe Cca – S1a – d0, a1 per specifici cavi allarme LSZH schermati, cavi allarme LSZH twistati, cavi antincendio Elanfire e cavi Konnex. Ogni Stato definisce le classi di reazione al fuoco rispetto alle norme internazionali EN 13501-6.

Nonostante le difficoltà legate alle chiusure forzate del 2020 e alla congiuntura economica generale, Elan (conosciuta anche per il marchio Bigbat per le batterie) ha lavorato internamente per proseguire aggiornamento e implementazioni delle certificazioni in ambito CPR secondo la EN 50575, la normativa in vigore da luglio 2017 che specifica «i requisiti di prestazione alla reazione al fuoco, alle prove e i metodi di valutazione dei cavi elettrici utilizzati per l’alimentazione elettrica, il controllo e la comunicazione utilizzati nei lavori di costruzione soggetti a prescrizioni di resistenza all’incendio».

Il Regolamento Prodotti da Costruzione fa sì che i prodotti circolanti nell’Unione Europea godano di un linguaggio tecnico comune e, affinché si ottemperi a esso, i cavi devono godere di una “Declaration of Performance” prodotta dal costruttore. Elan cura ogni dettaglio affinché il prodotto sia in linea con la normativa CE e predispone una marcatura ben evidente sulla DOP in modo da evidenziare con chiarezza descrizioni sul prodotto e informazioni, come la classe di reazione al fuoco (vedi EN 50575). Questo fa sì che le autorità competenti, in caso di ispezioni sul materiale, possano ottenere tutto ciò di cui necessitano.

Trovi i prodotti Elan alla Datacom Tecnologie di Firenze: per maggiori informazioni contattaci cliccando qui o tramite la mail info@datacomtecnologie.it.

TVCC in azienda, niente “silenzio assenso”. Fatti aiutare da Datacom Videosorveglianza!

Non ci può essere il silenzio assenso per installare impianti di videosorveglianza capaci di controllare a distanza i lavoratori di un’azienda. Lo dice la nota dell’8 aprile 2019 con cui il Garante della privacy ha dato risposta a un quesito formulato dal Ministero del lavoro a sua volta interpellato dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro. In sostanza il dubbio era: se l’Ispettorato nazionale del lavoro non risponde a una richiesta di autorizzazione amministrativa legata alla tvcc all’interno di un’azienda, si può agire come se fosse un tacito consenso?

La risposta dunque è negativa per il Garante: l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori prevede illecita e sanzionabile a livello penale l’installazione di impianti audiovisivi capaci di controllare i lavoratori a distanza qualora non siano state attivate le procedure di garanzia. L’autorizzazione ha un iter di 60 giorni: una volta concluso, non si può parlare di silenzio assenso.

Ai sensi dell’articolo 4 della legge 300/1970, gli impianti e le apparecchiature, “dai quali può derivare anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l’Ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l´uso di tali impianti”. Insomma, senza accordo sindacale solo l’Ispettorato può valutare se le telecamere si possono mettere o meno e deve esprimersi in maniera netta.

Per avere un aiuto concreto su come installare il proprio impianto di videosorveglianza senza problemi dal punto di vista delle normative e della privacy, la soluzione più efficace è quella di affidarsi a Datacom Videosorveglianza, il servizio online che Datacom Tecnologie offre per ottemperare alle regole del GDPR. Scopri di più cliccando qui, andando sul sito dedicato oppure contattandoci alla mail info@datacomtecnologie.it o tramite il nostro form.

Hik-Pro Connect, la piattaforma di convergenza e di business management

La piattaforma Cloud HIK-ProConnect si pone come fulcro della convergenza: tutti i dispositivi Hikvision possono interagire fra loro in modo semplice ed efficace, come un unico sistema, con regole e scenari, creando interazioni tra Videosorveglianza, Intercom, Intrusione e Controllo Accessi.

HIK-ProConnect è una piattaforma per lo sviluppo e il management del business, in grado di semplificare il processo di programmazione e configurazione nonché la gestione dei tecnici e delle manutenzioni. Grazie ai numerosi tools di autodiagnosi, verifica e notifica, sarà possibile gestire il service in modo semplice e professionale con notevole beneficio sia per l’installatore che per l’utente finale. Hik-ProConnect è una piattaforma cloud unica, scalabile ed in continua evoluzione.

Quali sono i vantaggi?

Programmazione Semplificata – Gestione completa da PC oppure da mobile.

Convergenza dei dispositivi – Condivisione delle risorse e creazione di regole specifiche in funzione delle esigenze dell’Utente finale.

Configurazione ottimizzata – Aggiunta di più dispositivi contemporaneamente, da remoto o in loco.

Gestione remota a prova di GDPR – È possibile richiedere all’utente finale l’autorizzazione alla gestione dell’impianto e i permessi di accesso.

Monitoraggio Proattivo – Identificazione proattiva di eventuali malfunzionamenti all’impianto.

Gestione dei permessi a livelli – Possibilità di creare account secondari, ad esempio il gestore del sito e l’Utente finale.

Affidabilità certificata – Rispetto dei più alti standard di sicurezza e affidabilità.

Puoi scoprire di più scaricando la relativa brochure, cliccando qui. La pagina relativa sul sito di Hikvision è invece questa. Puoi chiedere comunque tutte le informazioni utili a Datacom Tecnologie di Firenze: puoi scrivere ai tecnici commerciali all’indirizzo info@datacomtecnologie.it oppure cliccando qui.

Con Sanihaze non abbassare la guardia dai rischi del Coronavirus!

Probabilmente le alte temperature non basteranno a spazzare via il Coronavirus. Per questo non dobbiamo abbassare la guardia, anzi è necessario affidarsi alle uniche misure efficaci in grado di proteggerci, sanificando gli ambienti in cui viviamo.

Sanihaze è il generatore di nebbia distribuito da Datacom Tecnologie di Firenze sanificante, portatile, che vuole migliorare la qualità della vita delle persone purificando e disinfettando qualsiasi area chiusa.

Le microscopiche particelle nebulizzate dal sistema Sanihaze, con rapido effetto battericida, penetrano anche nelle superfici più insidiose da raggiungere, per vivere al 100% anche gli spazi ad alto rischio di trasmissione di infezioni, oltre che all’interno di proprietà private o commerciali.

La nebbia generata da Sanihaze è la soluzione di prima scelta che non provoca danni a superfici ed oggetti su cui si deposita, non è irritante, non è infiammabile ed è sicura sulla pelle.

Sei interessato? Clicca qui per contattare Datacom!