Articoli

Termocamere nel settore antincendio: un’opportunità da non sottovalutare

Quale futuro per le telecamere termiche con scopo di supporto ai sistemi antincendio? Con la modifiche del DM 03/08/2015 (Codice di prevenzione incendi) attraverso il DM 12 aprile 2019, si assiste a una nuova apertura a questo settore con l’ipotesi di utilizzo di alternative progettuali: rientra in questo caso il cosiddetto impianto IRAI, il cui compito è quello di rivelare l’incendio e a segnalare tempestivamente l’allarme. Le termocamere hanno la possibilità di generare informazioni anche quando fumo e fiamme libere non sono presenti, questo grazie a una costante misurazione della temperatura delle superfici, così da capire quando ci sono anomalie. Un modo può essere quello di associare le telecamere termiche ai rilevatori presenti in commercio come quelli di calore e di fumo, che entrano in azione a incendio già innescato. Presentando le dovute carte progettuali, si potrebbe quindi certificare l’impianto come una soluzione alternativa contemplata dal Codice.

Questo tipo di soluzione trova vantaggi anche sul piano assicurativo. Una maggiore maggiore precocità e precisione di rilevazione fa sì che l’edificio di fatto abbia un grado di pericolosità minore e quindi il rischio si abbassa anche in termini di costi di una polizza. Inoltre, visto che la telecamera termica genera immagini, può assolvere anche a una funzione di sicurezza perimetrale a protezione di un edificio da intrusi, questo rende l’investimento maggiormente appetibile e conveniente.

Nell’epoca Covid le telecamere termiche sono salite alla ribalta per la loro capacità, in luoghi pubblici o soggetti ad assembramento, di misurare la temperatura corporea in modo veloce e senza contatto con la pelle. In realtà la loro prima applicazione viene dall’industria, dall’osservazione dei processi produttivi e in modo particolare dalla verifica delle eventuali anomalie durante un processo lavorativo oppure dei tempi corretti di manutenzione. L’approdo nel settore antincendio arriva dal codice di prevenzione incendi DM 3 agosto 2015, reso obbligatorio dal DM 12 aprile 2019, in cui si definiscono tre soluzioni progettuali che sono quelle conformi (senza quindi necessità di valutazioni tecniche ulteriori), alternative (in cui si deve dimostrare il raggiungimento di un livello standard) e in deroga, dove il parere del Comando Regionale dei vigili del fuoco diventa vincolante.

Per approfondire questo argomento con i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie, scrivi a info@datacomtecnologie.it o sul form Contatti del sito.

Formazione: al via la prima edizione della Inim Academy Fire

La normativa di riferimento nel settore delle installazioni e manutenzioni dei sistemi automatici rivelazione ed allarme incendio sta evolvendo molto rapidamente, nel solco di un’ulteriore attenzione alla qualifica, preparazione e competenza del personale operante su tali sistemi. Di conseguenza questa nuova spinta verso una formalizzazione dei requisiti tecnici minimi degli installatori e manutentori antincendio offre indubbiamente un’occasione molto importante per accrescere e valorizzare le competenze di tutti coloro che operano in questo settore.

In questo contesto Inim è orgogliosa di annunciare la prima edizione della Inim Academy Fire, iniziativa rivolta agli installatori e manutentori di sistemi antincendio che utilizzano apparecchiature della casa di Monteprandone. L’intento è quello di formare dei professionisti preparati e competenti che ambiscano a proporsi sul mercato in maniera autorevole e vincente.

La prima edizione si terrà in parte da remoto (due sessioni webinar nei giorni 29 aprile e 10 maggio) e in parte in presenza presso la sede Inim (dal 4 al 6 maggio): il programma è scaricabile cliccando qui. Qui sotto in allegato è possibile consultare il documento “Presentazione Inim Academy Fire.pdf” che definisce obiettivi, struttura e finalità del corso ed un programma dettagliato di quest’ultimo. Per quanto concerne le iscrizioni, invece, si deve far riferimento all’allegato “Istruzioni accesso Forms per registrazione Inim Academy Fire.pdf”.

Possono iscriversi solo gli installatori che siano in possesso di un account Inim Installatore, tenendo conto che l’Inim Academy Fire è rivolta ai tecnici che abbiano già una buona conoscenza e familiarità con i sistemi incendio Inim, con particolare riferimento al sistema PREVIDIA. La prima edizione è riservata a 60 persone, per cui i distributori Inim sono invitati quanto prima a darne comunicazione. I costi relativi al corso, compresi i costi di vitto e alloggio, saranno a carico di Inim. Restano a carico dei partecipanti i costi di trasporto da e verso la sede di Inim. Dopo la partecipazione al corso e ai webinar (livello di attenzione minimo = 80%) gli installatori potranno accedere all’esame di un’ora che sarà possibile svolgere dal 12 al 18 maggio.

Ulteriori info possono essere richieste ai tecnici commerciali di Datacom Tecnologie alla mail info@datacomtecnologie.it e tramite il form Contatti del sito.

Nuovo rivelatore di fumo in casa Inim: è BDH200

Novità di rilievo nell’offerta di sicurezza di Datacom Tecnologie:  si è infatti aggiunto al catalogo rivelazione incendio Inim un nuovo rivelatore di fumo lineare (barriera).

Il nuovo modello, che assume il codice BDH200, si affianca all’attuale BDH110 e fa parte della stessa famiglia di rivelatori a marchio TheFireBeam. Rispetto al predecessore, è ancora più semplice da comandare, vista l’assenza della tastierina di controllo, sostituita da una praticissima APP, disponibile sia per Android che iOS. Basta quindi uno smartphone (o un tablet) per gestire il modello BDH200.

 Questa novità unica nel mercato semplifica l’installazione del rivelatore e rende le operazioni di messa in servizio, manutenzione e controllo molto più pratiche e veloci.

La connessione tra smartphone/tablet e rivelatore avviene tramite collegamento bluetooth – da attivare dal dispositivo attraverso la scansione di un QR Code- che garantisce una portata di circa 20 metri in aria libera. E’ necessaria anche una procedura di registrazione della app seguendo dei semplici passando e inserendo dati quali nome dell’azienda, email e una password.

Il nuovo rivelatore BDH200, al pari del precedente modello mantiene la funzione di auto-allineamento motorizzata, ha ottenuto tutte le certificazioni necessarie (disponibili sul sito Inim cliccando qui) e può essere alimentato da Loop tramite il modulo EU311.

Il massimo numero di rivelatori alimentati da un singolo loop è fissato a 20, previa verifica delle cadute di tensione e restanti consumi del loop mediante la sezione “Loop Calculator” contenuta nel software Previdia/STUDIO.

Il prezzo del nuovo BDH200 rimane uguale a quello del modello BDH110, in base alle disponibilità potrebbe venire consegnato uno dei due modelli in alternativa.

Il nostro reparto di assistenza tecnica è a disposizione per eventuali chiarimenti tecnici, scrivendo a info@datacomtecnologie.it o tramite il form Contattaci. Allo stesso modo alleghiamo il manuale (disponibile cliccando qui), per consentirvi di esplorare ogni specifica del prodotto e porci le domande che preferite. 

Con il bonus casa un’occasione in più per installare un impianto di sicurezza!

Buone notizie per il cliente finale – e quindi per gli installatori – dalla Legge di Bilancio 2022.

Lo Stato italiano ha infatti prorogato il bonus fiscale per ristrutturazioni edilizie, estendendo la sua validità fino al 31 dicembre 2024. Grazie al Bonus Casa 50% è infatti possibile risparmiare sugli impianti elettrici e sistemi di sicurezza antintrusione, antincendio, videosorveglianza, tapparelle, non solo per quanto concerne l’acquisto ma anche la progettazione, l’installazione e la relativa manutenzione.

Come si accede al bonus fiscale? Il proprietario o beneficiario di abitazioni private (o condominio) può richiedere la detrazione IRPEF – in sede di dichiarazione dei redditi – a fronte di una spesa documentata (bonifico parlante), sostenuta dal 26 giugno 2012. La detrazione fiscale sarà spalmata in 10 rate annuali.

Per fare un esempio, Inim ha stilato una lista di prodotti che possono rientrare all’interno del bonus fiscale:

• Centrali e accessori della gamma Prime.

• Tastiere Alien ed espansioni domotiche.

• Prodotti del sistema wireless Air2.

• Dispositivi del sistema SmartLiving.

• Sensori e barriere ottiche perimetrali.

• Prodotti del sistema vocale Marilyn More.

Datacom Tecnologie consiglia ai propri installatori di comunicare questa notizia ai propri clienti in modo da incentivarli nella messa in sicurezza della propria abitazione sfruttando questa importante opportunità. Per ogni dubbio o consiglio, siamo disponibili alla mail info@datacomtecnologie.it con i nostri tecnici commerciali pronti a dare il proprio supporto.

Torna a Firenze “Focus Tour” di Assosicurezza il 18 marzo

Torna a Firenze l’atteso appuntamento con “Focus Tour”, il corso itinerante dedicato ai temi legati agli impianti antincendio, promosso da Assosicurezza. Venerdì 18 marzo alle 14 è in programma un seminario di cinque ore dal tema “Gli impianti di rivelazione ed allarme incendio (IRAI), alla luce del codice di prevenzione incendi. Prevenzione incendi, cavi speciali ed evacuazione sonora”. L’appuntamento è presso Italiana Hotels Florence, in viale Europa 205 a Firenze.

La finalità del corso è quella di fornire i criteri da seguire nella progettazione, nell’esecuzione, nella verifica e nella manutenzione degli impianti secondo la regola dell’arte, ottemperando a tutte le normative vigenti. È rivolto a Progettisti, Security Manager, Distributori, Installatori e a tutti coloro che lavorano o investono nel comparto sicurezza. Il corso rilascia anche crediti per la formazione professionale obbligatoria: ICMQ bu CERSA lo fa ai fini del mantenimento e rinnovo della certificazione delle figure professionali Professionista della Security – UNI 10459:2017 (4 CFP), Perito Liquidatore Assicurativo – UNI 11628:2016 (4 CFP) e Esperto in Impiantistica Elettronica di Sicurezza Anticrimine. Anche il Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Firenze rilascia 5 CFP.

Sono previsti gli interventi di Piergiacomo Cancelliere, Primo dirigente Corpo Nazionale VVF (Gli impianti di rivelazione ed allarme incendio – IRAI – alla luce del Codice di Prevenzione incendi) Roberto Megazzini di Paso Spa (Aggiornamenti sulla normativa dei sistemi di evacuazione vocale UNI-ISO 7240-19, UNI/CEN TS 54-32, EN 54-16, EN 54-24 e EN 54-4), Stefano Morelli di Inim Electronics Srl (Progettazione ed installazione dei sistemi di rivelazione incendio; evoluzione normativa delle norme attuali UNI 9795, UNI 11224, UNI TR 16694) e Cristiano Montesi, CEO di Elan Srl (Obblighi dei progettisti al rispetto dei parametri relativi alle connessioni nei sistemi di rivelazione automatica d’incendio al fine di evitare malfunzionamenti in particolare nei sistemi analogici indirizzati). La serata terminerà con un dibattito finale e un apericena.

Patrocinano l’evento: Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche, Associazione Installatori Professionali Sicurezza, Associazione Italiana Professionisti Security Aziendale, Assistal Confindustria e Rete Installatori Forum Sicurezza. Inim, Elan e Paso sono gli sponsor, con media partner S News.

Per partecipare al convegno si può contattate Assosicurezza al numero di telefono 3920626267, alla mail assosicurezza@assosicurezza.it e sul sito www.assosicurezza.it.

Per richiedere a Datacom Tecnologie informazioni, è possibile scrivere all’indirizzo mail info@datacomtecnologie.it. La locandina del convegno è scaricabile cliccando qui.

Antincendio: pubblicata la nuova UNI 9795:2021

Con l’aggiornamento di dicembre 2021, la norma UNI9795  “Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d’incendio – Progettazione, installazione ed esercizio” è arrivata alla sua sesta edizione e va a sostituire la versione precedente che era ferma al 2013. 

La norma specifica i criteri per la progettazione, l’installazione e l’esercizio dei sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione manuale e di allarme d’incendio; collegati o meno ad impianti di estinzione o ad altro sistema di protezione (sia di tipo attivo che di tipo passivo), destinati a essere installati in edifici, indipendentemente dalla destinazione d’uso.

La norma tecnica UNI, pur non avendo valore di legge, è più volte citata nella legislazione italiana come presunzione dello svolgimento di un processo eseguito “a regola d’arte”.

Di seguito un elenco, non esaustivo, dei principali cambiamenti introdotti:

  • Inserimento di nuovi termini, definizioni e disegni esplicativi
  • Inserito il nuovo schema della UNI EN54-1 2021
  • Nuove indicazioni per i controsoffitti e per le zone, con relativi esempi
  • Inglobata la parte del UNI TR 11694  inerente la progettazione, installazione, messa in servizio, verifica funzionale e l’esercizio dei sistemi di rivelazione fumo ad aspirazione
  • Inglobata la parte del UNI TR 11607 inerente la progettazione, installazione, messa in servizio, verifica funzionale e l’esercizio degli avvisatori acustici e luminosi di allarme incendio
  • Rivelatori di fumo e rivelatori di calore
  • Rivelatori multi sensore
  • Rivelatori lineari (resettabili e non resettabili) di calore
  • Elementi di connessione.
  • Verifica dei sistemi

Datacom Tecnologie di Firenze, azienda da sempre molto attenta al settore degli impianti antincendio e distributore delle migliori marche sul mercato, tramite i propri tecnici commerciali può fornire un sostegno ai propri clienti per capire meglio le novità introdotte dalla UNI 9795:2021. Si può contattare l’azienda alla mail info@datacomtecnologie.it, tramite il form del sito oppure chiamando il proprio commerciale di riferimento. Suggeriamo anche la lettura dell’articolo pubblicato da Insic.it che fornisce ulteriori dettagli.

Inim, Prime 3.0 protagonista dell’evento Datacom del 29 novembre

Inim e Datacom Tecnologie di nuovo insieme per la promozione di un nuovo evento di formazione gratuita rivolto agli installatori di sicurezza e ai progettisti. Lunedì 29 novembre alle 14.30 la sede di Datacom in via Arrigo da Settimello a Firenze ospita un incontro dedicato a Prime 3.0 e a tutte le novità presentate a Fiera Sicurezza la settimana precedente. Nel corso dell’appuntamento si spazierà tra i prodotti della casa di Monteprandone, dal settore sicurezza all’antincendio, passando all’illuminazione d’emergenza, ai servizi di app e cloud, fino alme modalità per diventare installatori identificati o certificati Inim.

Per le iscrizioni all’evento, è stata aperta una pagina su Eventbrite, a cui si accede cliccando qui. Per ogni informazione, è possibile contattare i tecnici commerciali di Datacom Tecnologie alla mail info@datacomtecnologie.it.

Da plafoniera a luce di emergenza: si può, con Convertled

Datacom Tecnologie è lieta di presentare una novità studiata dai laboratori di ricerca e di sviluppo di Inim. Si chiama Convertled ed è un alimentatore elettronico che converte le comuni plafoniere e lampade a LED in dispositivi di illuminazione di emergenza.

Basta inserire l’alimentatore (dotato di batterie di back-up) all’interno della lampada. In condizioni normali, la lampada mantiene la sua funzione di illuminazione ordinaria. In caso di blackout, invece, Convertled accende i LED in emergenza attraverso le proprie batterie ricaricabili.

Il nuovo prodotto Inim è compatibile con tutti i driver e moduli LED con uscita da sei fino a 60 Vdc. Si può avere anche come kit, con l’accessorio pulsante di test, in modo da espandere le opportunità di business anche per gli installatori di sicurezza.

Datacom Tecnologie di Firenze, distributore Inim, saprà darti ogni indicazione tramite i propri tecnici commerciali all’indirizzo info@datacometecnologie.it o attraverso il form Contatti.

Scheda tecnica

Gamma di prodottiCONVERTLED
Tipo di prodottoKit di emergenza
VersioniStandard, Auto-Test, Supervisione da Bus
TipoPermanente (SA) – Non permanente (SE)
Specifiche tecniche
InstallazioneControsoffitto all’interno della plafoniera
Alimentazione220/230Vac, 50-60Hz
BatteriaLiFePO4 3,2V
Classe di isolamentoII
ColoreBianco RAL9003
Tensione di uscita
Autoadattativa da 6V a 60V
Informazioni aggiuntiveMorsetto dedicato per la funzione di inibizione
Morsetto dedicato per la funzione modo di riposo
Grado di protezioneIP30
Grado di protezioneIK07
Temperatura di funzionamentoda 0° a 40°C
Conforme alle normative
EN 55015, EN 60598-1, EN 60598-2-2, EN 60598-2-22, EN 61000-3-2
EN 61347-2-7, EN 61547, EN 62471
EN 61000-3-3, EN 61347-1 
Dimensioni (mm), imballo, garanzia
Dimensioni (LxAxP)240,2x65x26 mm
ImballoImballo 25 pezzi
Garanzia 
5 anni

Digital Focus Tour: nuovo appuntamento formativo sull’antincendio il 23 aprile

Torna il Digital Focus Tour, l’occasione per gli installatori di impianti antincendi di poter usufruire di un percorso di alta formazione continua. Venerdì 23 aprile, dalle 15.30 alle 19.30, è in programma un evento promosso da Assosicurezza, con sponsor Elan, Inim e Paso. Il webinar è focalizzato sulla catena del valore, dal quadro tecnico normativo alla progettazione di impianti speciali con focus sui sistemi antincendio, cavi speciali ed Evac. Sono previsti crediti formativi professionali per installatori, progettisti, periti liquidatori e security manager.

Questi i relatori: Franco Dischi (Assosicurezza), Domenico Maisano (Ministero dell’Interno – Vvf), Roberto Magazzini (Paso), Cristiano Montasi (Elan), Stefano Morelli (Inim).

Per iscriverti al seminario, clicca qui. Datacom Tecnologie di Firenze saprà darti ogni indicazione tramite i propri tecnici commerciali all’indirizzo info@datacometecnologie.it o attraverso il form Contatti.

Tornano le promo Restart di Inim: tre soluzioni dedicate alle lampade di emergenza!

Tornano anche in autunno le promozioni Restart promosse da Inim. Dal primo ottobre al 30 novembre puoi ottenere una lampada della serie Diva in omaggio se ne acquisti altre quattro grazie a Restart 13.

Ci sono altri due kit disponibili: Restart 14 dedicato alla serie DEXIA e Restart 15 legato al prodotto HP100.

Per tutte le informazioni sui prodotti e sulle promozioni puoi chiedere direttamente a Datacom Tecnologie di Firenze, alla mail info@datacomtecnologie.it o direttamente dal form contatti.